Checkstar24

Chiedi al meccanico di fiducia

Tecniche di guida, come comportarsi di notte

guida notturna

Pubblicato il 2 November 2014

Condizioni psicofisiche debilitanti possono compromettere la capacità di guida. Ecco qualche consiglio per la guida notturna

Mettersi al volante è un’attività la cui difficoltà viene spesso sottovalutata. Si viaggia a qualsiasi ora del giorno e della notte, senza badare alla stanchezza, al sonno, alle condizioni psicofisiche e, più in generale, al proprio stato di salute. L’unica cosa che conta è raggiungere la destinazione nel più breve tempo possibile. Questo però è un approccio pericoloso. Le statistiche parlano chiaro: la maggior parte degli incidenti è provocata da un errore umano, da un comportamento non corretto o da una manovra sbagliata.

GUIDA NOTTURNA. La prima regola aurea è quella di mettersi al volante quando si è nelle condizioni psicofisiche migliori. Guidare di notte senza aver dormito, quindi in condizioni di forte stanchezza, è la scelta peggiore che si possa fare. Il buio inoltre stimola il sonno. Il consiglio è rimandare lo spostamento al giorno successivo. Se questo non fosse possibile, bisogna almeno limitare i rischi. Meglio quindi dormire qualche ora e partire all’alba. Un periodo di riposo, seppure breve, consente di recuperare una condizione di efficienza sufficiente. A favorire il risveglio ci pensa poi la luce, che stimola dei cambiamenti biochimici all’interno dell’organismo.

QUALCHE CONSIGLIO. Se proprio bisogna guidare di notte, meglio allora adottare alcuni accorgimenti. Consumare una cena leggera, una digestione faticosa causa sonnolenza. Evitare le bevande alcoliche. Bere un caffè non risolve il problema dell’eccessiva stanchezza: la soluzione migliore è un buon riposo, anche solo di un paio d’ore, per superare il momento critico. Se si è in compagnia, è consigliabile alternarsi alla guida. In caso contrario, bisogna fermarsi spesso, lavarsi il viso con acqua fresca e camminare per cinque minuti a passo svelto in modo da produrre quel minimo di adrenalina per riattivare l’organismo.

La redazione di Checkstar24