Checkstar24

Chiedi al meccanico di fiducia

Revisione, dove farla e con quale periodicità

Quando fare la revisione auto

Pubblicato il 9 February 2015

Ha lo scopo di accertare che sussistano le condizioni di sicurezza per la circolazione e che il veicolo rientri nei limiti di silenziosità e di emissioni inquinanti previsti dalla normativa. Ecco quando effettuarla e dove effettuarla È un’adempienza da non dimenticare, pena pesanti sanzioni. Secondo il Codice della Strada, infatti, i veicoli a motore e i loro rimorchi durante la circolazione devono essere tenuti in condizioni di massima efficienza, comunque tale da garantire la sicurezza e da contenere il rumore e l’inquinamento. Da qui l’obbligo della revisione. La periodicità è però diversa a seconda del tipo di veicolo. Secondo l’articolo 80, comma 3, del Codice della Strada, «per le autovetture, per gli autoveicoli adibiti al trasporto di cose o ad uso speciale di massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 t e per gli autoveicoli per trasporto promiscuo la revisione deve essere disposta entro quattro anni dalla data della prima immatricolazione e successivamente ogni due anni, nel rispetto delle specifiche decorrenze previste dalle direttive comunitarie vigenti in materia». La prima revisione va quindi effettuata entro la fine del mese di immatricolazione del veicolo (riportato sulla carta di circolazione). Le revisioni successive, invece, vanno fatte entro la fine del mese in cui è stata fatta la revisione precedente. Nulla vieta di anticipare il mese della revisione. Bisogna solo ricordarsi che l’anticipo diventa la nuova scadenza per il futuro. OGNI ANNO. Ci sono poi dei casi in cui la revisione deve essere effettuata con cadenza annuale. «Per i veicoli destinati al trasporto di persone con numero di posti superiore a nove compreso quello del conducente, per gli autoveicoli destinati ai trasporti di cose o ad uso speciale di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t, per i rimorchi di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t, per i taxi, per le autoambulanze, per i veicoli adibiti a noleggio con conducente e per i veicoli atipici la revisione deve essere disposta annualmente», stabilisce il comma 4 del medesimo articolo. DOVE FARLA. La revisione può essere effettuata negli uffici provinciali della motorizzazione civile oppure nei centri revisione autorizzati. Nel primo caso è necessario compilare l’apposito modulo ed eseguire un versamento di 45 euro tramite bollettino postale. La procedura però è piuttosto complessa, soprattutto se non si ha tempo a disposizione. Per chi invece si rivolge a un’officina autorizzata le spese aumentano (65 euro), ma non bisogna occuparsi di nulla. La redazione di Checkstar24